cartone-ragazza-seduta-in-bagno-si-sta-sforzando

La stitichezza è una condizione che affligge circa 20 persone su 100, quindi è molto più diffusa di quello che si possa pensare. Nonostante questa grande diffusione sono ancora pochi quelli che decidono di rivolgersi al medico per risolvere tale condizione. Una problematica che può trovare le sue cause in diversi meccanismi come: un colon che si contrae molto lentamente e che porta a stipsi cronica da rallentamento del transito, stipsi cronica con transito normale che si presenta quando i muscoli pelvici non si contraggono nella maniera giusta durante l’evacuazione, infine la stipsi terminare che si avverte in presenza di una sorta di tappo. 

Nella maggior parte dei casi questa condizione è causata da una dissenergia pelvica del muscolo pupo-rettale che non rilascia adeguatamente le feci. Il soggetto deve spingere eccessivamente con un possibile prolasso rettale. 

Nella risoluzione di tale problematica la dieta ha un ruolo di principale importanza; quindi, si rivela indispensabile sapere cosa mangiare per andare in bagno. 

I cibi che contrastano la stitichezza

La stitichezza si combatte innanzitutto a tavola. Ci sono dei cibi ricchi di fibre che permettono di regolarizzare l’intestino andando a prevenire quel fastidioso gonfiore addominale di cui molti soffrono. Gli alimenti a cui si possono attribuire queste caratteristiche sono: 

  • Verdure verdi a foglie come gli spinaci; 
  • Zucchine e melanzane; 
  • Broccoli e cavolfiori;
  • Fagiolini e legumi in generale; 
  • Carciofi; 
  • Verdure latto-fermentate; 
  • Frutta secca;
  • Frutta fresca come: kiwi, pere, albicocche, fichi, prugne; 
  • Farine e cereali integrali; 
  • Yogurt e kefir. 

Chi soffre di stitichezza dovrebbe dunque inserire una buona dose di questi alimenti all’interno della sua dieta per poter rendere l’intestino più attivo. Per intervenire in casi di stipsi ostinata in maniera veloce, si possono assumere cipolle cotte, rughe secche, arance ma con la loro parte bianca ricca di fibre. 

Stitichezza e gravidanza

La stipsi è un disturbo molto comune tra le donne in gravidanza. In tale periodo della vita di una donna i cambiamenti ormonali possono essere causa di tale problematica e non solo. Nelle primissime settimane di progesterone aumenta influenzando la mucosa liscia dell’intestino che rallenta la sua attività. 

Ma la stipsi può interessare tutto il periodo della gravidanza, nell’ultimo trimestre è il peso dell’utero a poter essere causa di costipazione. In genere alle donne in stato interessante oltre a raccomandare un maggior consumo di cibi lassativi, si consiglia l’assunzione di integratori specifici, per andare a prevenire la stitichezza. 

Cosa mangiare per andare in bagno: i bambini

La costipazione è una problematica che non riguarda solo i grandi, a volte affligge anche i bambini. In età pediatrica il problema si può proporre perchè al piccolo viene proposta un’alimentazione povera di frutta e verdura. Ma ci sono anche casi in cui il bambino diventa stitico dopo aver sperimentato episodi di defecazione dolorosa, per via di una tendenza a trattenere le feci. 

Quindi cosa devono mangiare i bambini per andare al bagno? Si consiglia di introdurre nella loro alimentazione verdure frullate, frutta come le pere, le albicocche e le prugne, da proporre o sotto forma di frullato ovvero di una macedonia, frutta cotta e semi oleosi, senza dimenticare lo yogurt e i legumi possibilmente decorticati. Ci sono invece dei cibi che nel caso in cui si verifichino episodi di stitichezza dovrebbero essere evitati in particolare la cioccolata (a dispetto di quello che si pensa, il contenuto tanninico funge da astringente), patate, carote, limone, riso e banane.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.